Nati per leggere - Macerata e provincia

Nati per Leggere è un progetto senza fini di lucro, promosso dal 1999 a livello NAZIONALE, dall’alleanza tra bibliotecari e pediatri attraverso le seguenti associazioni:

1      L’Associazione Culturale Pediatri – ACP che riunisce tremila pediatri italiani con fini esclusivamente culturali

2      L’Associazione Italiana Biblioteche (AIB)che associa oltre quattromila tra bibliotecari, biblioteche, centri di documentazione, servizi di informazione operanti nei diversi ambiti della professione

3      Il Centro per la Salute del Bambino – ONLUS (CSB), che ha come fini statutari attività di formazione, ricerca e solidarietà per l’infanzia.

Il progetto Nati per Leggere promuove la lettura quotidiana ad alta voce in famiglia al bambino dai 6 mesi di età. Si presenta come una campagna di sensibilizzazione, di informazione e di formazione sull’importanza della lettura in età precoce, come fattore di benessere personale e sociale.

Negli ultimi anni una gran mole di studi hanno dimostrato gli effetti positivi della lettura ad alta voce ai bambini, già dal primo anno di vita sulla acquisizione del linguaggio e della capacità di comprendere un testo scritto e quindi sul progresso scolastico anche a lungo termine.

Questo aspetto acquisisce rilievo ancora maggiore per i figli dei genitori in condizioni socioeconomiche svantaggiate, con minore abitudine alla lettura in famiglia. Oltre a questi aspetti cognitivi la lettura da parte dei genitori ha un importante valenza relazionale, facilitando la relazione tra adulti e bambini.

La valenza affettiva della lettura ad alta voce ne accresce le potenzialità in quanto occasione di sviluppo cognitivo ed emozionale del bambino ed acquisisce quindi il significato di un intervento di prevenzione e promozione culturale a largo raggio, come riconosciuto ormai internazionalmente.

Ciò è tanto più rilevante in un paese come l’Italia, con score di literacy bassi, e con crescenti quote di bambini a rischio di difficoltà di inserimento scolastico e sociale, tra i quali i bambini figli di immigrati o di recente immigrazione, per i quali la piena integrazione linguistica assume un ruolo rilevante nel processo più generale di integrazione.

Nati per Leggere (www.natiperleggere.it) ha raggiunto progressivamente una rilevante estensione su tutto il territorio nazionale: nel 2008 la rilevazione nazionale ha evidenziato il coinvolgimento di 308 comuni per 7403 operatori attivi, e si è stimato che raggiunga il 33% circa della popolazione italiana. Alcune regioni lo hanno adottato come progetto regionale.

Attualmente, il progetto si è diffuso in tutto il paese coinvolgendo oltre 2.000 soggetti tra biblioteche, pediatri, scuole e nidi d’infanzia, aziende ospedaliere e associazioni culturali.
 

Progetto : “Leggere è familiare”
 

Approfondimenti

Perché è importante la lettura quotidiana al bambino fin dai primi mesi di vita

Come e quando leggere ai bambini

Cosa leggere ai bambini

I Nati per leggere nella provincia di Macerata
 

Coordinatrice del progetto provinciale

Elena Carrano

info: npl.leggerefamiliare@comune.macerata.it

Share and Enjoy: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • MisterWong
  • Y!GG
  • Webnews
  • Digg
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit